Architetto brasiliano insegna alle donne con risorse limitate per costruire le proprie case


post-title

Per molto tempo è stato mantenuto lo stereotipo secondo cui certe professioni o mestieri erano solo per uomini o solo per donne: dovevano dedicarsi a compiti che richiedevano intelligenza e forza, mentre dovevamo dedicarci alla casa. Le cose sono cambiate e c'è più apertura per le donne nel lavoro che vogliono e portano il pane in tavola e mettono un tetto sopra le loro teste. Tuttavia, per le donne povere le cose non sono così facili.

L'architetto brasiliano Carina Guedes era consapevole di questa difficoltà e nel 2014 ha fondato il progetto Architettura nella periferia, che offre formazione a donne a basso reddito per costruire le proprie case, riducendo al minimo i costi.



Nel favelas, il padre, il marito o il muratore prendono le decisioni sulla casa anche se sono le donne a passare più tempo ed è loro che devono affrontare le carenze: spazi senza illuminazione, senza ventilazione, stretti e distribuito male.

Il corso dura da quattro a sei mesi e in esso apprendono progettazione del progetto, principi finanziari, acquisto di materiale, assunzione di lavoro, opere murarie, idraulica, sistemazione di pavimenti ed elettricità. Ma oltre alla conoscenza che acquisiscono, per Carina la cosa più famosa è che diventano donne indipendenti, forti e capaci.



È interessante vedere la loro trasformazione durante questo processo: i leader della comunità già riconosciuti in quello spazio di lotta, ma non in quello domestico, vengono a vedere che hanno la stessa capacità, ma che non hanno accesso alle informazioni.

L' économie de la connaissance par Idriss ABERKANE (Aprile 2020)


Top