La scienza lo conferma: le donne non sono monogame Sembra che l'infedeltà sia necessaria


post-title

Per molti anni abbiamo assistito alla repressione che ha punito le donne in molti aspetti, dalla vita lavorativa ai loro diritti umani, alla loro sessualità. Anche se abbiamo avanzato molto su diverse questioni, ci sono ancora soggetti tabù che perseguitano la figura femminile, tra cui la monogamia.

Un recente studio di David Buss, Ph.D. in Social Psychology presso l'Università del Texas, ha rivelato che gli esseri umani non sono sempre guidati seguendo i modelli stabiliti della società, poiché l'evoluzione va oltre.

Le donne NON sono monogame



In un'intervista con il Sunday TimesIl dott. Buss affermava che lo studio poteva supporre la fine dell'ipotesi che l'evoluzione abbia trasformato gli umani in monogami.

Secondo lo scienziato, le idee che hanno rispetto al modo in cui gli esseri umani si sviluppano nelle loro relazioni amorose sono state ereditate, anche se non ci sono studi che dimostrino la certezza che siamo geneticamente predisposti alla monogamia.

Ciò significa che non ci sono prove che le relazioni umane debbano essere esclusivamente tra due persone. Buss ha chiamato questo strategia di accoppiamento.

Rompere con qualcuno e accoppiarsi di nuovo potrebbe essere una delle caratteristiche più comuni di accoppiamento umano, ma la strategia più importante di tutti.



Riguarda la riproduzione e non l'idea che una donna abbia bisogno di un uomo per essere felice. Ha affermato che le donne hanno fatto ricorso alle braccia di altri uomini quando termina un legame sentimentale con una persona dall'inizio dell'umanità.

Per i nostri antenati, che soffrivano di malattie, una dieta povera e cure mediche minime e avevano un'aspettativa di vita inferiore a 30 anni, era necessario cambiare i partner sessuali e cercarne uno più adeguato.

Non è che le donne si annoino o cercano più piacere, è che è stato fondamentale sopravvivere ed evolversi come specie. In effetti, c'è un fenomeno chiamato la camera da letto amorevole: è quando le persone cercano altri possibili partner nel caso in cui la loro relazione attuale non funzioni o finisca. Anche alle donne viene dato questo come agli uomini e, secondo lo studio, sono predisposti ad avere un piano B o C.



La conclusione raggiunta dagli scienziati su questa teoria suggerisce che l'infedeltà delle donne nel passato era utile e regolare necessariopoiché non c'era la certezza che gli uomini con i quali avevano un legame sentimentale, che andavano a caccia di cibo, sarebbero tornati.

Potrebbero morire, accoppiarsi con gli altri, abbandonarli o semplicemente perdere valore come compagni. Avere altri uomini di riserva non era un ostacolo per il bene di tutti, ma il contrario, un modo intelligente per migliorare il futuro, con un probabile secondo accoppiamento.

L'idea che le donne debbano avere un solo uomo per sempre, mentre devono essere infedeli e sostituirle rapidamente, è dietro a molti pregiudizi e errori personali e storici.

Se prestiamo attenzione allo studio, forse è tempo di lasciare questo pensiero in passato. Quando una donna finisce una relazione, non deve piangere a lungo; i dati scientifici dicono esattamente il contrario.

Amori non allineati - Poliamori e movimento LGBTQI (Gennaio 2020)


Top